Mattarella: “libertà non e’ far ammalare gli altri. La crisi del Coronavirus resta”.

Coronavirus: c’e’ chi chiede più libertà. Lo fanno i politici, sbraitando in aula, e lo fanno personaggi noti, pensando di fare da portavoci del popolo italiano.

Il presidente della Repubblica, pero’, non ha esitato a rispondere a queste richieste/provocazioni, che forse dimenticano i mesi trascorsi.

Dopo aver ringraziato i Paesi che si sono dimostrati solidali con l’Italia, ha invitato a tenere alta la guardia e il rispetto delle misure per contenere il contagio poichéla libertà non e’ far ammalare gli altri”.

Mattarella ha anche ricordato che “esattamente 4 mesi fa sono morti in un solo giorno 800 concittadini”.

E ha sottolineato, quindi, che “non possiamo e dobbiamo rimuovere” la crisi causata dal coronavirus “per rispetto dei morti, dei sacrifici affrontati dai nostri concittadini, con comportamenti che oggi ci permettono di guardare con maggiore fiducia. Altrove il rifiuto o l’impossibilità di quei comportamenti ha provocato o sta provocando drammatiche conseguenze“.

Toni pacati e messaggio chiaro, il solito di Sergio Mattarella.

Fonte: IlFattoquotidiano

Foto credit: IlFattoquotidiano