Il coronavirus Covid-19 morirà con l’estate? La risposta degli esperti alle convinzioni di Trump.

Il Covid-19 sta mettendo a dura prova il nostro Paese, l’Europa e il mondo intero.

Dopo le misure restrittive messe in campo dal governo italiano, ogni cittadino si trova a fare i conti con il proprio senso civico, la propria solidarietà e forse anche con la propria paura.

La situazione non è proprio idilliaca ed essere costretti a stare chiusi in casa è senz’altro faticoso per tutti, ma necessario.

Tuttavia i cittadini di tutto il mondo si stanno iniziando a chiedere: quando finirà?

E’ da un pò che girano alcune teorie sulla possibilità che il caldo contribuisca a combattere il coronavirus Covid-19. Ma qual è la verità a tal proposito?

Alcuni esperti ipotizzano sia possibile e c’è chi, come Donald Trump, lo proclama a gran voce. Ma la verità è che non lo sappiamo.

Come sottolinea Focus, infatti, i virus non hanno un comportamento sempre prevedibile e adagiarci su false speranze potrebbe giocare a nostro svantaggio.

C’è un fondo di verità circa l’andamento stagionale di alcuni virus respiratori che, col caldo, si diffondono meno efficientemente.

E’ troppo presto, però, per capire se il coronavirus Covid-19 sia un virus stagionale. Per quanto ne sappiamo, il patogeno pare anche cavarsela bene in aree tropicali, come dimostra la sua diffusione a Singapore.


Molti viriologi, infatti, ritengono sia improbabile che il caldo lo metta a tappeto. Certo, le alte temperature potrebbero rendere il contagio più difficile ma riportarlo magari in auge il prossimo inverno, rendendolo una possibile minaccia endemica.


Farci abbassare la guardia con teorie non accreditate rischierebbe solo di fare ulteriori danni.

Insomma, per non azzardare ipotesi premature occorrerà aspettare aprile e vedere che succede. Ma senza sperarci troppo.

Fonte: Focus

Foto credit: Ilmeteo