La giornalista Palestinese ospite a Sanremo: Si discute molto su quanti Soldi ha chiesto

Sta facendo molto discutere in queste settimane il festival di Sanremo.
Mancano ancora un bel po’ di settimane all’inizio della manifestazione canora eppure le polemiche non sono tardate ad arrivare.

Sta facendo in queste ore discutere il compenso della giornalista palestinese della RAI che molto probabilmente andrà a Sanremo a parlarci della questione migranti.

Infatti su il Giornale leggiamo che:

L’indiscrezione l’ha data Dagospia, il sito fondato e diretto da Roberto D’Agostino. Sul sito di retroscena, infatti, si legge: “Flash! Il compenso richiesto da Rula Jebreal alla rai per l’ospitata sanremese sarebbe di 25 mila euro. Il contratto è sulla scrivania di Salini…”.

Spetterebbe insomma all’amministratore delegato di “Mamma Rai” Fabrizio Salini – in quanto responsabile del bilancio dell’emittente pubblica – l’ultima parola sul compenso alla giornalista e scrittrice palestinese.

Peraltro, era stato proprio il sito Dagospia nelle scorse settimane ad annunciare in anteprima la decisione di Amadeus – a cui è stata affidata la conduzione e la direzione artistica della kermesse musicale – di affidare alla Jebreal un monologo sulle assi del palco del Teatro Ariston.

Insomma mica quattro spiccioli.

Il tutto pagato coi soldi pubblici.
Il tutto pagato coi soldi nostri.

Intanto su Twitter, però, è tornato a impazzare l’hashtag #BoicottaSanremo, lanciato e rilanciato dai tanti contribuenti italiani stanchi di un carrozzone spesso troppo di parte tenuto peraltro in piedi dai soldi pubblici.

Foto Credit: Il Giornale