Padre Zanotelli contro Salvini: va processato per disumanità. Scoppia il nuovo caso Open Arms.

Alle indagini dei pm seguono quelle dei buonisti.

Matteo Salvini è indagato per sequestro di persona per il caso della Open Arms e padre Alex Zanotelli non perde l’occasione per attaccare l’ex ministro degli Interni.

“Va processato per la sua disumanità, ha detto all’agenzia Adnkronos il missionario comboniano, non nuovo ad attacchi brutali nei confronti del leader del Carroccio.

Nella sua invettiva Zanotelli dipinge Salvini come un robot che “non sente il dolore per gli altri, in particolare per chi soffre, non ha alcun senso morale“.

Ed è questa la ragione per la quale si aspetta un esito diverso da quello dell’inchiesta sulla Diciotti, quando il Senato negò l’autorizzazione a procedere:

“Voglio augurarmi che stavolta i 5 Stelle, che non sono più parte del governo con la Lega e dicono che non torneranno mai più con Salvini, votino secondo coscienza e si crei un blocco per fare processare l’ex ministro”.

Intanto, però, Salvini pare non avere alcun problema con la citata indagine, tant’è che la definisce “medaglia“, e non occorre alcun favoritismo per comprendere quanto queste vicende, in realtà, politicamente parlando, non facciano altro che bene al leader della Lega.

Ma Padre Zanotelli non ha alcuna intenzione di porre un freno al suo attacco e dice: “Ma come si fa a parlare di medaglia? Chi reagisce così non tiene in alcun conto il dolore di nessuno. Questa è la cosa grave: il senso di strafot*enza tipico dei ricchi nei confronti di chi non ce l’ha fatta”.

Ma non è tutto. Il religioso ha qualcosa da dire anche al cardinal Ruini, colui che qualche giorno fa chiese alla Chiesa di dialogare con il segretario del Carroccio: “E poi arriva uno come il cardinale Ruini a dire quel che dice su Salvini, che è una figura che rappresenta l’estrema destra”.

“Mi auguro davvero che Patronaggio, finalmente riesca a portarlo in tribunale per la sua disumanità. Mi vengono in mente le parole che pronunciò il Papa a Lampedusa quando nell’omelia chiese ‘Avete mai pianto quando avete visto un barcone affondare?‘. Rischiamo tanto oggi, siamo davanti ad una battaglia di valori, di umanità”

Fonte: IlGiornale

Foto credit: IlGiornale