I dem hanno cambiato idea: ‘con i 5s nessun problema’. Tutto pronto per il governo giallo-rosso?

Il governo del ribaltone è pronto?

Pare proprio che i presupposti ci siano. Movimento 5 stelle e Partito democratico si sono incontrati per definire un’intesa programmatica su un’eventuale alleanza.

All’incontro partecipano per il Pd i due capigruppo, Andrea Marcucci e Graziano Delrio, e il vicesegretario Andrea Orlando. Per i 5 Stelle sono presenti i due capigruppo, Stefano Patuanelli e Francesco D’Uva, e i due vice, Francesco Silvestri e Gianluca Perilli.

Com’è noto, per i grillini la priorità è il taglio dei parlamentari, punto sul quale già è iniziato lo scontro coi democratici.

Ma per Luigi Di Maio non si va oltre: “Il taglio dei parlamentari si deve fare subito. È l’inizio di qualsiasi tipo di discorso. Per quanto mi riguarda non c’è niente da litigare sul taglio dei parlamentari. Si deve fare e basta, se non c’è il taglio non c’è nient’altro. Gli italiani vogliono il taglio dei parlamentari e non discussioni a mezzo stampa. Questi già litigano”.

E l’intesa giallorossa si copre già di ombre, sebbene dopo il vertice pare che il clima si sia disteso.

Il capogruppo dem Marcucci ha detto: La riunione si è svolta in un clima positivo e costruttivo, che ci fa ben sperare sulle prospettive”. E Orlando ha aggiunto: Con M5s niente di insormontabile.

Il Colle ha chiesto che l’intesa avvenga in tempi brevi e il fatto che i 5s siano ancora in pista con la Lega non facilita la situazione.

Intanto, all’interno del Movimento c’è chi suggerisce prudenza, come Di Battista, e chi vuole che i ponti con Salvini siano tagliati assolutamente, come Brescia.

La Lega, intanto, attende l’esito delle trattative M5s-Pd, sebbene qualcuno del Carroccio si sia dichiarato disposto a chiarire quanto accaduto.

Fonte: IlGiornale

Foto credit: IlGiornale