Crisi di governo, Salvini vuole il voto subito per correre da candidato premier.

Dopo aver aperto la crisi di governo, Salvini non perde tempo.

Restituiamo la parola agli italiani. Senza tornare al vecchio: se devo mettermi in gioco, lo faccio sereno, da solo e a testa alta. Poi, potremo scegliere i compagni di viaggio…”.

Così apre la sua campagna elettorale solitaria, “candidandosi” premier e chiedendo che i deputati del Parlamento non vadano in vacanza nei prossimi giorni.

“I deputati e senatori devono alzare il c…, anche la settimana prossima. E chi non viene, è perché vuole tenersi la poltrona. Poveri, mi dicono riapriamo il 20, il 30 agosto… I deputati della Lega sono pronti, se serve anche domenica”, dice il segretario del Carroccio.

Lo scenario annunciato è complicato dal punto di vista istituzionale, poichè Salvini, come candidato premier, non potrebbe portare il Paese a elezioni da ministro dell’ Interno in carica.

Con la seria intenzione di tornare alle urne il prossimo 13 Ottobre, Salvini è stato chiaro sullo strappo: “Non vogliamo poltrone, rimpasti o governi tecnici: dopo questo governo (che ha fatto tante cose buone) ci sono solo le elezioni“.

Intanto Luigi Di Maio insiste affinchè il 9 Settembre si voti per il taglio di 345 parlamentari, ma Salvini non ha intenzione di perdere tempo. Il suo obiettivo sono le elezioni il prima possibile.

Ma l’altro vicepremier conclude: “Noi siamo pronti, della poltrona non ci interessa nulla. C’è una riforma epocale a settembre che riguarda il taglio di 345 parlamentari. Votiamola subito e poi ridiamo la parola agli italiani.

Fonte: Libero

Foto credit: Libero