Clandestino punta un coltello contro militare: era stato espulso 3 volte.

Non sono giorni facili per i Carabinieri, tutti uniti in cordoglio per la perdita del militare Cerciello, ucciso a coltellate pochi giorni fa.

E’ ancora più recente però, la notizia di un altro carabiniere che ha rischiato grosso durante un controllo.

E accaduto nel trapanese, dove un tunisino di 50 anni gli ha puntato una lama al petto.

Fermato mentre camminava nei pressi della stazione ferroviaria di Alcamo dai militari in servizio nelle campagne della zona, alla rischiesta dei documenti si è subito mostrato nervoso.

Stando ad alcune verifiche successive si è saputo che Chokri Euchi è un irregolare con precedenti per reati di droga, con alle spalle tre procedimenti di espulsione dal territorio italiano.

Quando i militari gli hanno chiesto di seguirli negli uffici della stazione per ulteriori controlli, l’uomo ha estratto un coltello e l’ha puntato contro il petto di un appuntato, minacciando di morte i due carabinieri.

Questi ultimi, nonostante la grande tensione, hanno provato a far tornare la calma, ed è a quel punto che il tunisino ha tentato la fuga nelle campagne.

Le pattuglie in zona sono state avvertite per l’emergenza e, grazie alla collaborazione di tutti, il tunisino è stato preso.

Arrestato per resistenza, violenza, minaccia a pubblico ufficiale e porto di oggetti atti a offendere, il gip ha convalidato il fermo e ha disposto l’obbligo giornaliero della presentazione ai carabinieri di Alcamo.

Foto credit: IlGiornale

Fonte: IlGiornale