Ong in mare verso la Libia. Spese da 8mila euro a settimana. Altro che solidarietà.

La nave Ong Mediterranea con la sua barca a vela frittata da Casarini&Co. ritorna in mare. Indovinate? Verso la Libia per altri recuperi in mare.

Ma quanto costa questa barca a vela? Appena 8mila euro al mese. Come fanno le Ong a spendere così tanto solo per accontentare il magnate Soros e il suo diabolico piano?

Leggiamo Il Giornale:

A qualcuno forse farà pensare l’idea che l’Ong dei centri sociali si diriga nella pericolosa zona Sar libica “cazzando la randa” o spiegando le vele. Farà accomodare i migranti sul ponte come i turisti?

In realtà la Alex segue la Mare Jonio ormai da tempo come barca di supporto in quasi tutte le missioni. Non è però attrezzata per le operazioni search ad rescue, per cui nel caso “incontrasse” un barcone in difficoltà dovrà limitarsi a prestare il primo soccorso e poi chiedere aiuto alle autorità competenti. In fondo la mossa di Mediterranea appare più politica che operativa.

La nuova missione è quella di “monitorare e denunciare le violazioni dei diritti umani in un mare che i governi europei hanno trasformato in un cimitero e un deserto”. Una velleità made in Casarini e soci, diretti verso la Libia col vento in poppa.

L’affitto di lunga durata non costerà poco. Intanto la nuova nave da crociera pro migranti si dirige verso la Libia in cerca di scoop per attaccare l’Italia e il resto d’Europa.

Curiosi di capire cosa accadrà?

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiornale