Comandante Ong entra nel porto di Lampedusa ma rischia il terzo capo d’accusa. Notizia bomba.

Un vero e proprio blitz nel cuore della notte.

Carola Rackete non si è fermata agli alt della Guardia di Finanza e ha completato lo sbarco dei 40 migranti a Lampedusa: “Non ce la faccio più, devo portarli in salvo“, ha spiegato la 31enne.

Già indagata dalla Procura di Agrigento per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ora ha un’altra accusa di cui rendere conto: “resistenza o violenza contro nave da guerra”.

La condanna che rischia va ai 3 ai 10 anni di carcere.

Come se non bastasse, nella manovra finale ha speronato una motovedetta delle fiamme gialle, che era lì per evitare l’attracco.

Dunque, Carola Rackete, volontaria 31enne, potrebbe venire incriminata anche per “tentato naufragio”.

Fonte: Libero

Foto credit: IlMessaggero