Cosa pensa la madre dello scherno e della cattiveria del figlio Salvini? Lerner attacca duramente il ministro.

“Vien da chiedersi: ma cosa penserà di Salvini la madre di Salvini? Quando, di fronte a quello che, comunque la si pensi, rimane un dramma umano, il suo Matteo scrive: ‘Non sbarca nessuno, mi sono rotto le palle. Lo sappia quella sbruffoncella’” .

A dirlo è Gad Lerner, radical chic di sinistra, solito rivolgere duri attacchi al ministro degli Interni.

Questa volta si schiera apertamente in difesa della comandante tedesca della Sea Watch3, che ha vìolato il divieto impostogli, penetrando nelle acque territoriali italiane.

Ma l’attacco di Lerner, nel quale interpella anche la madre del leader del Carroccio, continua così:

“Senza volerle mancare di rispetto, viene da chiedersi cosa pensi in cuor suo la madre di Salvini di questo figlio che si compiace nell’esibizione pubblica dello scherno e della cattiveria addosso a persone che soffrono.Convinto, il ministro della propaganda, sbagliando, che chi plaude sghignazzando alle sue bravate sui social, rappresenti il comune sentire della nazione.”

E conclude: Fa male i suoi conti. Anche ammettendo che i 9 milioni di voti leghisti, e sommateci pure quelli di Fratelli d’Italia e una quota dei berlusconiani, vivano come una liberazione l’indifferenza nei confronti di quei reduci dai campi di prigionia libici – prosegue – ugualmente si tratta solo della minoranza arrabbiata di un Paese di 60 milioni di abitanti che resta assai migliore della raffigurazione che Salvini ne fornisce ogni sera dagli schermi televisivi. Dovrà fare i conti con un’Italia, certo, intimidita, ammutolita dall’accanimento con cui vengono liquidate le figure di riferimento che predicano l’umanitarismo e la solidarietà, un’Italia che vive con crescente disagio la spirale del turpiloquio e dell’ostentazione di cinismo“.

Fonte: IlGiornale

Foto credit: Brevenews