Niente da fare. I furbi provano sempre a farli arrivare qui in Italia!

Alcuni Paesi europei, tra cui l’Italia, hanno deciso di non firmare il patto Onu sulle migrazioni.

Ma nonostante la decisione del governo in merito, c’è chi nel Belpaese intende lo stesso “adottare” i principi del Global Compact.

Si tratta dei sindaci di Bologna e Lampedusa. Il primo, in quota Pd. Il secondo, anche lui di sinistra. I due primi cittadini ne hanno dato il (lieto?) annuncio oggi: “Bologna e Lampedusa aderiscono ai principi del ‘Global Compact per la migrazione regolare, ordinata e sicurà: le nostre giunte hanno approvato un atto di indirizzo che ci impegna a promuovere iniziative e misure in grado di favorire il rispetto dei diritti fondamentali delle persone, in un contesto capace di supportare i principi di accoglienza ed integrazione”.

Merola e Martello avevano già parlato di questa intenzione. Ma ora dalle parole sono passate ai fatti e sfidano così Salvini.

In che modo? Merola e Martello hanno deciso di mettersi in proprio, approvando un atto di indirizzo che si ispira alle direttive contenute nel documento promosso dalle Nazioni Unite. “Se altre città ed enti locali vorranno aderire a questa iniziativa, promuovendo analoghi atti di indirizzo a livello locale potremo realizzare un percorso capace di dimostrare che l’accoglienza e l’integrazione vanno sostenute anche ‘dal bassò, e che le amministrazioni locali possono imprimere una direzione chiara alle politiche locali sulla migrazione”.

E questo non è andare contro le leggi?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: gds