L’Ue ha scelto Letta come rappresentante italiano? Il sospetto sul ricatto in Europa. La replica del governo attuale.

Il rappresentante italiano ai piani alti di Bruxelles potrebbe essere Enrico Letta.

Le parole dell’ex premier nei confronti di Giuseppe Conte, visto come “la garanzia della stabilità italiana dei conti nel quadro europeo” e baluardo di “contenimento rispetto a Salvini”, avevano fatto storcere il naso.

E quanto si apprende ora da fonti europee getta un pò più di chiarezza sulla questione.

Pare proprio che a Bruuxelles i socialisti prremino per mettere Letta al posto di Tusk come presidente del Consiglio europeo.

Chiaramente sarebbe una poltrona occupata da un italiano in contrasto con le linee dell’attuale governo gialloverde.

Potrebbe trattarsi di una provocazione o, come sottolinea Libero, di un gioco sporco: se l’offertà sarà rifiutata… il rischio è quello di rimanere senza alcun rappresentante ai piani alti.

Intanto, Luigi Di Maio ha esposto i dubbi dell’esecutivo:

“Tutta la mia solidarietà, mai venuta meno, all’ex presidente del Consiglio Enrico Letta (e sapete a cosa mi riferisco…), ma nel ruolo di commissario Ue per l’Italia no, grazie. Se dobbiamo mandare qualcuno a rappresentare il nostro Paese, ci mandiamo una persona che l’Italia l’ha sempre difesa, una persona che abbia a cuore le nostre imprese, i diritti dei lavoratori, che abbia a cuore la sanità e gli investimenti”.

Ricordiamo, intanto, che a sbarrare la strada a Letta fu Renzi, preferendogli Federica Mogherini.

Fonte: Libero

Foto credit: Libero