La Cei si riunisce, vescovi a gamba tesa sul voto: nel mirino Salvini e migranti. Il piano di Bassetti è questo.

Il presidente della Cei, il Monsignor Gualterio Bassetti, proprio non riesce a dimenticare il gesto di Salvini dal palco di piazza Duomo.

Il rosario in mano e la richiesta alla Madonna di protezione da parte del vicepremier della Lega hanno suscitato davvero molto clamore.

Così, il presidente della Conferenza episcopale italiana ha detto:

“Non ho mai giudicato la fede di nessuno, so benissimo a chi vi riferite, perchè ognuno può avere una fede più grande della mia… Io ho un’altra visione della politica, che deve essere laica“.

E sempre lui ha poi parlato dell’immigrazione. Un tema, se possibile, ancora più caldo del precedente.

E ancora una volta sul capo del ministro degli Interni è quasi piombata un’accusa, seppur non molto esplicita:

“Se arriva una nave e il mare è in tempesta, non posso chiudere il porto. Ma questo è ovvio, perchè salvare le vite viene prima di ogni altra cosa. Ma non è detto che sia la forma migliore di farlo. Il porporato ha ricordato le forme di collaborazioni che ci sono state con lo Stato, ad esempio i corridoi umanitari organizzati per gli immigrati da Cei, comunità di Sant’Egidio e Viminale”

Ed ha aggiunto:“se c’è una zattera nel mare di disperati le mie braccia e il mio cuore si allargano all’infinito”.

Bassetti ha aperto anche una piccola ma piacevole parentesi sui terremotati, per i quali incontrerà Conte, col quale “si dovrà porre mano all’aratro”. Anche in quei luoghi la gente ha bisogno di luoghi di culto per esprimere la propria fede.

E prima di concludere è tornato su Salvini:

“Ho detto di non votare Salvini? Non è vero. Non è nel mio stile, nel mio temperamento, nel mio modo di pensare. Poi saranno i fatti che dimostrano come stanno realmente le cose. Certamente io ho la mia visione della politica, basata sull’antropologia, il bene comune, la solidarietà e l’accoglienza. Ma non vado a interessarmi a quello che Salvini condivide o non condivide. Su questo…libera Chiesa in libero Stato

Fonte: IlGiornale

Foto credit: IlGiornale