Migranti, Meloni attacca: “la Sea Watch va affondata” e la bomba sulla Germania è micidiale.

La nave battente bandiera olandese, la Sea Watch, è tornata a recuperare migranti al largo della Libia.

Nello specifico, a 60 chilometri dalle coste libiche, sono stati salvati 65 migranti.

Salvini ha subito tenuto a ribadire la linea ferma dell’Italia: i porti restano chiusi. Nessuno scenderà “da quella nave”. Dopo, però, ha dovuto ritrattare, concedendo lo sbarco a 7 bambini coi loro genitori, e ad un uomo in condizioni di vita precarie.

Per i 47 migranti restanti Salvini non ha intenzione di cambiare idea, sebbene la nave si trovi nei pressi di Lampedusa.

“Io ho detto: costi quello che costi, questo barcone non attracca e questi immigrati non scendono. Vediamo, tira e molla. Adesso questi hanno chiesto alla Capitaneria di porto di prendere gli immigrati a bordo e farli imbarcare noi. Col piffero”.

Giorgia Meloni è della stessa idea, e ci va giù davvero pesante:

“Se la Germania non riconosce la Sea Watch, allora la Sea Watch è una nave pirata.. In tal caso, si fa sbarcare l’equipaggio e la nave si affonda. Sono norme di diritto internazionale”.

La leader de I Fratelli d’Italia è convinta che l’Italia non debba piegarsi:

“Perché se la Sea Watch è una nave tedesca raccoglie immigrati clandestini nel Mediterraneo e pretende di portarli in Italia? Le norme di Dublino dicono che lo Stato responsabile è quello in cui avviene il passaggio illegale, se la nave è tedesca è la Germania che li deve giudicare, valutare e se ne deve occupare, se pretende di portarli in Italia allora ho un problema con la Germania, a meno che la Germania non mi dica che non riconosce quella bandiera”.

Su un governo con la Lega? “Divorzio da Forza Italia? Io parlo di quello che sicuramente si può fare e quello che sicuramente si può fare è un governo a maggioranza Lega e Fratelli d’Italia – ha concluso -. Sicuramente Lega e Fratelli d’Italia già oggi possono avere da soli i numeri per un’altra maggioranza per governare”.

Fonte: IlGiornale

Foto credit: IlGiornale