Il Vaticano pretende le scuse dall’Occidente. Papa Bergoglio offeso?

In un tempo dove si è in contrasto continuo sull’immigrazione e suoi effetti, il segretario del Vaticano, monsignor Paolin, chiede che venga chiesto scusa al Papa.

Proprio così, in una lunga intervista a Repubblica, il rappresentante del Vaticano senza esitare pretende delle scuse dall’Occidente.

Ma di cosa parliamo?

Leggiamo Il Giornale:

“L’attenzione a chi viene da lontano non è contro chi è più vicino – fa, quindi, notare il segretario di Stato vaticano – l’Occidente dovrebbe capire di più questa geopolitica.

Nella sua saggezza pastorale, la Chiesa intuisce i movimenti della storia e apre strade che poi molti altri possono percorrere”. L”intervista a Repubblica è una replica secca a tutte le critiche che vengono mosse in continuazione a papa Francesco. Non da ultimo quella di aver aperto a Xi Jinping e, al contempo, di aver chiuso a Donald Trump.

Nel replicare Parolin parte proprio dal fatto che la Chiesa “sta sempre dalla parte dell’uomo e della sua dignità” e che il Pontefice è “Padre di tutti i cattolici, a qualunque latitudine essi si trovino a vivere”.

Oggi, quindi, siamo stati tutti bacchettati dal Vaticano. Anche i rapporti con i paesi asiatici, spesso criticati, devono essere tutelati.

Quanti siete d’accordo?

Fonte: ilgiornale

Foto: liberoquotidiano