Vaticano, la rivolta dei fedeli: “solo migranti, sulle stragi invece neanche una parola”. I cristiani morti sono quasi 300.

La strage di crisitiani in Sri Lanka non ha suscitato nemmeno metà del clamore dell’incendio di Notre Dame.

Ad essere molto discusso, però, è l’atrteggiamento del Papa a riguardo.

Oltre al fugace messaggio di cordoglio durante l’omelia domenica, dalla finestra di Piazza San Pietro, è balzata all’occhio l’assenza totale di riferimenti o condanne sull’account ufficiale del Santo Padre @Pontifex_it.

Eppure stiamo parlando di quasi 300 vittime e di oltre 500 feriti, dovuti a diverse esplosioni ed attacchi islamici in diverse chiese ed hotel.

Come mai nessuno parla di un rischio?

Daniele Capezzone, su Twitter, ha fatto una riflessione polemica sull’argomento

durante l’Angelus pasquale il Pontefice “ha trattato l’eccidio in Sri Lanka come una pratica da sbrigare in 30-40 secondi per poi passare al tema successivo, uguale al precedente“.

Di quale si tratta? Accoglienza e immigrazione.

Fonte: Libero

Foto credit: blogIlGiornale