“Perché non andrò da Fazio? Ho troppo rispetto degli italiani”. Il siluro di Salvini.

Elezioni europee alle porte. E si stendono i palinsesti dei programmi televisivi a sfondo politico per ospitare i rappresentati dei vari partiti .

Ma Matteo Salvini, ministro degli interni e vicepremier, manda un messaggio chiaro: non sarà in studio a Che tempo che fa per le interviste pre elettorali.

Da Fazio andranno tutti i big della politica, ma non il vicepremier. Salvini su questo punto non ha dubbi e così afferma: “Le regole della par condicio prevedono che da Fabio Fazio ci debbano andare i 4 leader di partito, Berlusconi, Zingaretti, Di Maio e Salvini: io per coerenza e rispetto degli italiani non andrò da Fazio”.

Poi il ministro degli Interni ha attaccato ancora una volta il conduttore per il suo compenso in Rai che ormai da tempo è al centro delle polemiche: “In un momento economico di difficoltà che non si dimezzi lo stipendio…”.

Parole forse che non suonano tanto bene alle orecchie del conduttore. Tanto è che in merito non si è espresso.

L’unica sottolineatura di Fazio nel corso di una delle ultime puntate di Che tempo che fa è in merito al suo contratto con la Rai, ribadendo che ha ancora una durata di due anni e dunque smentisce di fatto le voci di un suo addio.

Monologhi e frecciatine quelle del duo Saviano-Fazio che hanno portato il ministro a dire “no grazie” a un’intervista da campagna elettorale.

Siete d’accordo con Salvini?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: ilmessaggero