Fornero shock: “posso difendere quota 100” ma Salvni la deride clamorosamente. Cosa è successo.

L’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero voleva parlare del Reddito di Cittadinanza ma è scivolata in un lapsus freudiano quasi comico.

Mentre parlava a Di Martedì ha detto: “Posso difendere almeno in linea di principio Quota 100”.

Poi l’immediata correzione: “Scusate, un lapsus tremendo per me.”

Matteo Salvini non ha rinunciato alla sua ironia per commentare la vicenda:
“In fondo anche la Fornero sa che smontare la sua legge è cosa buona e giusta.

Le domande di pensionamento, 115.517, arrivate nel giro di pochissimo, hanno messo in evidenza un”insofferenza generale per la permanenza sul posto di lavoro.

Ma alla Lega non basta. Il desiderio, infatti, è quello di arrivare ad una quota pura, senza il vincolo dei 62 anni di età e 38 di contributi, ma potendo raggiungere i 100 come meglio si crede.

L’adesione è facoltativa, non si costringe nessuno a lasciare, ma nemmeno a restare fino all’esasperazione.

E Il Populista spiega come verrebbe risolta un’altra parte del problema:

Le imprese ch’erano in difficoltà potranno sfoltire il costo del personale e svecchiare, se l’economia si riprende (in realtà però una quota di turnover è fisiologica, anche se non raggiunge l’optimum del 100%). Qui entra in gioco la Flat Tax, che ha proprio l’obiettivo di ridare ossigeno ai consumi, sostenendo la domanda interna, essenziale per cominciare a riguadagnare punti di crescita sul PIL.

Cosa ne pensi? Sei fiducioso?

Foto credit: IlPopulista

Fonte: IlPopulista