Boldrini ritorna. Pesanti affermazioni sul governo: “il peggio delle persone”.

Laura Boldrini si lascia andare a pesanti affermazioni sull’attuale governo. “C’è ferocia, c’è cattiveria.È come se avessero voluto in qualche modo snaturare il dna degli italiani e delle italiane, che non è così: non è cattivo, non è feroce. È stato fatto un grande lavoro per convincere tutti che siamo in pericolo”.

Poi la bomba: “Questo chiaramente sollecita il peggio delle persone. C’è bisogno di competenza, di capacità analitiche e anche di soluzioni realistiche che non gravino sul futuro dei nostri figli”.

Ed ancora: “Io ho lavorato 25 anni nelle agenzie delle Nazioni Unite e mi porto dietro quel bagaglio di esperienza. Mi aspettavo di trovare più idealità, più principi, più valori, più capacità di sognare, di vedere il mondo cambiare sulla base delle politiche.

Cambiare in meglio vuol dire rendere migliori le condizioni di vita delle persone. Ecco, quando manca questa spinta e invece si concentrano tutte le energie nelle questioni interne io penso che si perda un po’ il senso della politica”.

Terminate le sue dichiarazioni in merito alla condizione italiana, Laura Boldrini smette le vesti del politico per lasciar parlare la donna e la madre. Ancora doloroso il ricordo delle minacce e gli insulti ricevuti durante la sua carriera. Episodi che non hanno ferito soltanto lei, ma anche la figlia. 

Lei non è come Salvini e lo spiega così: “Perché sono antifascista dichiarata. Perché non mi sono mai nascosta”.

Dichiarazioni che faranno sicuramente discutere.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: lastampa