Ong non ci scarica i migranti: li prendono Merkel e Macron. Vittoria clamorosa, Salvini festeggia trionfante.

I 64 immigrati recuperati il 3 Aprile scorso non metteranno piede nel BelPaese.

E’ probabile che l’aiuto arrivi proprio da chi in questi anni non si è speso affatto per l’accoglienza.

L’annuncio è stato dato stamattina dal premier maltese Joseph Muscat, che ha reso nota la soluzione, arrivata grazie a un efficace coordinamento della Commissione europea”.

Nessuno degli immigrati della Alan Kurdi rimarrà a La Valletta, anche perchè ha precisato sin da subito che non si sarebbe presa questo onere da sola.

Ora finalmente c’è un’altra collaborazione, quella tra Malta e Italia, unite per combattere il predominio delle Ong nel Mediterraneo.

Dopo il caso Sea Watch, che ha creato discussioni tra i due Paesi, Salvini ha emanato una direttiva per impedire alle navi umanitarie di sbarcare nei porti italiani.

E’ stata la Germania a farsi carico del problema dopo le pressioni del Viminale sul collega tedesco.

Gli immigrati, dopo essere scesi a Malta, prenderanno la via di Berlino, Parigi, Lisbona e Lussemburgo.

E’ la prima volta che nessun immigrato scenderà a Malta o in Italia e questa è una vera vittoria.

Così il ministro dell’Interno ha esultato:

“Come promesso, nessun immigrato a bordo della nave Alan Kurdi arriverà in Italia. Verranno trasferiti in altre nazioni europee, a partire dalla Germania che è il paese di quella ong. E ora anche La Valletta fa benissimo a denunciare la pressione indebita e pericolosa delle Organizzazioni non governative. La vicenda della Alan Kurdi rafforza la collaborazione tra Italia e Malta contro i trafficanti di esseri umani: non possiamo essere lasciati soli a fronteggiare sbarchi e trafficanti di esseri umani. Ribadiamo, con forza, che le ong non sono al di sopra della legge. Noi e Malta siamo stati i primi a dirlo, e ora se ne accorgono in tutta Europa”.

Foto credit: IlGiornale

Fonte: IlGiornale