Lampedusa: allarme sbarco anomalo. Come hanno fatto ad arrivare 70 migranti. Qualcosa non quadra.

Il barcone diretto verso l’Italia. Intercettato dalla Guardia di Finanza ed dalla Guardia Costiera a una ventina di miglia al largo delle coste siciliane.

Circa settanta immigrati volevano entrare illegalmente nel nostro Paese. Ma l’intervento preventivo ha evitato il peggio. Infatti due motovedette li hanno trasbordati grazie ad un’operazione di law enforcement.

“In Italia si entra rispettando le leggi”, ha intimato Matteo Salvini quando è stato informato dell’arrivo del barcone carico di immigrati. Il titolare del Viminale si è subito messo al lavoro per “rispedire a casa loro” i settanta clandestini già “nelle prossime ore”. 

“Il trasferimento a Lampedusa – fanno sapere fonti del Viminale – serve proprio a velocizzare le identificazioni, individuare gli scafisti e far scattare le procedure per le espulsioni”.

Inizialmente le persone a bordo avevano dichiarato di essere una novantina, ma una volta fatte trasbordare sulla barca della Capitaneria di Porto e sulla motovedetta della Guardia di Finanza sono stati contati sessantanove uomini e una donna. “Sono 53 sedicenti tunisini e diciassette sedicenti libici”, spiegano dal ministero dell’Interno.

Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, ha cercato di cogliere la notizia subito: prima ancora che il barcone si avvicinasse alle coste siciliane, voleva fare di tutto per accoglierli nella propria città. 

Infatti ha commentato con ironia: “È la dimostrazione che siamo un porto aperto. cannoni li hanno tolti… Siamo rimasti solo noi a guardare il mare…”.

Ma arriva Matteo Salvini e il barcone non sbarca. Punto.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: libero