Case popolari agli italiani bisognosi. La protesta in strada continua e Casapound si accoda.

“Abbiamo vinto questa battaglia ma non abbassiamo la guardia. Qui i nomadi non devono venire, altrimenti li buttiamo fuori. Siamo pronti a fare peggiodi ieri”.

La voce appartiene al popolo, a quella parte che sta protestando da giorni contro l’assegnazione di una casa popolare a una famiglia di nomadi a Casal Bruciato, alla periferia est di Roma.

E la signora Nunzia aggiunge:
“Abbiamo saputo che quei nomadi hanno rinunciato, ora vediamo chi avrà quella casa, vediamo cosa ci diranno e decideremo se sciogliere il presidio. Quella casa non deve andare né a nomadi né a stranieri, ma a italiani bisognosi“. 

A sostenere il presidio ci hanno pensato i militanti di Casapound, che hanno tenuto compagnia ai cittadini tutta la notte.

Su via Cipriano Facchinetti il fuoco pare non voglia affatto spegnersi.

Foto credit: IlPopulista

Fonte: IlPopulista