Storia incredibile. Scambiava bimbi nelle culle dell’ospedale per divertimento.

La storia di un’infermiera malata terminale. Ora chiede il perdono dell’intera comunità.

Prima di morire ha voluto rendere conto dei suoi peccati. E ha confessato che in 12 anni di lavoro sono 5mila i bimbi che non appartengono alle famiglie da cui sono nati.

Leggiamo Il Giornale:

La donna, che lavorava allo University Teaching Hospital di Lusaka, ha ammesso di aver scambiato quei bambini “per divertimento” e spera nel perdono di Dio. 

“E – aggiunge – chiedo anche agli zambiani di perdonarmi per tutto il male che ho fatto a bambini innocenti. Ho provocato il divorzio di alcune coppie che, sebbene fossero fedeli, hanno pensato a un tradimento dopo il test del DNA. Ho fatto allattare a molte madri figli non loro”.”Scambiavo i bambini per divertimento.

Quindi se tutti i vostri fratelli e sorelle hanno la pelle molto scura e voi ce l’avete più chiara, è probabile che vi abbia scambiato io, e mi dispiace molto per questo”, ha detto invitando tutti le persone nate nell’ospedale di Lusaka tra il 1983 e il 1995 a verificare la propria identità attraverso l’esame del Dna.

Questa storia potrebbe avere un finale incredibile. Se tutte le famiglie dovessero rispondere all’appello della denuncia dell’infermiera, sarebbe davvero la trama di un film da prendere in considerazione.

Fonte. ilgiornale

Foto: ilgiornale