Papa difende i migranti: “la mafia non è nigeriana, è nostra” scoppia il caos assoluto.

In occasione dei 150 anni dell’Istituto San Carlo di Milano, Papa Bergoglio si presta a diverse domande sui più svariati temi.

Tra questi, ovviamente, prevalgono accoglienza e immigrazione.

“Dobbiamo accogliere tutti? Cuore aperto per accogliere, se ho un cuore razzista devo convertirmi”, tuona in un momento molto delicato per gli sbarchi.

I migranti vanno ricevuti, accompagnati e integrati. Per integrare i governanti devono fare dei calcoli” ed è necessario “il dialogo tra i Paesi e questa è la bellezza della generosità umana. Ma alzare muri non serve, continua.

Circa la paura di accogliere migranti delinquenti il Papa è altrettanto categorico: «La mafia non è stata inventata dai nigeriani, è nostra”.

Delinquenti? “Anche noi ne abbiamo tanti, la mafia non è stata inventata dai nigeriani, la mafia è nostra; tutti abbiamo la possibilità di essere delinquenti. I migranti ci portano ricchezza perché l’Europa è stata fatta dai migranti”.

Fonte: libero

Foto credit: Leggilo.org