Ong sfida Salvini: “in mare senza paura”. E denuncia il governo per ordini illegali.

Ci risiamo. La sfida senza fine. Ora tocca di nuovo all’Ong Mediterranea. Questa volta non si ferma ad una sfida in mare. Ma fa di più.

La Ong ha infatti presentato un esposto alla procura di Agrigento contro il governo italiano perché secondo la stessa responsabile di aver emanato ordini illegali alle navi delle ong nel Mediterraneo.

Lo ha affermato Alessandra Sciurba, del team legale della ong. Che chiede in modo “urgente” di “verificare gravissime violazioni di leggi nazionali e convenzioni internazionali nel caso del blocco navale operato contro la Alan Kurdi con a bordo donne uomini e bambini al largo di Lampedusa”.

L’esposto, che allega corposa documentazione, è stato presentato questa mattina da Cecilia Strada, Filippo Miraglia (Arci), Francesca Chiavacci (Presidente nazionale Arci), Sandro Mezzadra (professore università di Bologna) ed è stato curato dal Legal Team di Mediterranea.

Intanto, il responsabile del team legale, Alessandra Sciurba, ha annunciato che la nave Mar Jonio della ong Mediterranea “tornerà in mare la prossima settimana. Torneremo in mare e lo faremo senza paura”.

Più che per aiutare i migranti, sembra ormai diventato una sfida, un duello in mare per abbattere governo e ministro Salvini.

E se così fosse. Quale sentimento reale di accoglienza ci sarebbe ormai?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: avvenire