La cantante all’attacco su Salvini: “é da vomito”. Ma lui la ridicolizza così.

Nel mirino della cantante Fiorella Mannoia c’è ovviamente Matteo Salvini. Bersaglio preferito.

Il suo voto è andato al M5s, ma da quando si è alleato con la Lega, si dice delusa, ribadendo il concetto in un incontro alla Feltrinelli di Roma: “Un conto è dire che non possiamo accogliere tutti quanti, un conto dire che la pacchia è finita. Le parole sono armi”.

E ancora: “Prima le istituzioni avevano pudore. Mentre ora è un vomito continuo e a chi dobbiamo dire grazie? A chi ha sdoganato un linguaggio che va bene per un avventore di un bar. Non per un ministro dell’Interno”.

Non fa il nome, ma il riferimento è fin troppo chiaro: nel mirino della Mannoia, ovviamente, c’è Salvini. E ancora, con toni apocalittici, aggiunge: “Stanno soffiando sul fuoco della paura e la cosa più sconvolgente è che lo fanno per motivi elettorali. A che serve metterci gli uni contro gli altri?Non sarebbe più semplice predisporre l’accoglienza?“.

Parole alle quali non poteva di certo mancare la replica del ministro Matteo Salvini. E anche questa volta non manca di umorismo.

Con un breve cinguettio in calce a un articolo che dava conto dell’intemerata di Fiorella Mannoia, scrive: “Fiorella, dai, canta che ti passa! Magari Il cielo d’Irlanda.

Fonte: Libero

Foto credit: spettacoli.tiscali