I padroni della Piazza sono gli Arabi. Gli italiani in preda alla rabbia.

Milano, la città più innovativa d’Italia è stata presa da assalto dagli arabi.

A raccontarlo è una donna italiana residente nella zona, che ammette la sua paura di caminare a piedi. E un signore arrabbiato che dice che prima o poi sarà costretto a girare armato.

Leggiamo Il Giornale:

E piuttosto di andarmene mi faccio uccidere”. Elisabetta vive a piazzale Selinunte, a San Siro, dall’89. La sua vita in zona, come quella di tanti altri, è scandita da minacce, intimidazioni e offese gratuite lungo la strada. “Era un bel quartiere.

Residenziale, non è periferia. Ma adesso non è più nulla”, racconta al Giornale.it. “Qualche giorno fa un signore rientrava dal lavoro e, senza nessuna ragione di fondo, l’hanno picchiato e poi gli hanno spaccato la testa. Ormai neanche al pomeriggio siamo più sicuri a uscire”.

In questo quadrilatero della paura tappezzato da case popolari, è raro sentire parlare una parola di italiano. E basta farsi un giro tra queste vie per rendersi conto che la situazione è fuori controllo.

Sulla questione interviene anche un consigliere del Pd, Botteli. E’ stato lui stesso a dire che ormai in quella zona, un tempo residenziale, i cittadini non vivono più tranquilli.

Sia di giorno che di notte c’è un’alta percentuale di crimini e stranieri che comandano come fosse terra di nessuno.

Fonte. ilgiornle

Foto: ilgiornale