Le vecchie abitudini di Matteo Renzi. Non muoiono mai. Cosa è arrivato a fare per ottenere … questo!

Torna anche l’ex segretario del Pd. E ritorna anche una sua vecchia abitudini. D’altronde, come si suol dire, le vecchie abitudini sono dure a morire.

Come quell’istinto naturale a lanciarsi contro un muro di cemento per vedere quanto ci si fa male.
E questa volta rischia di farsi davvero tanto male.

L’ultima trovata dei famigerati Comitati civici, la rete di renziani superstite dopo la caduta del capo, è quella di raccogliere le firme per una legge popolare sulla Ius culturae.

Si tratterebbe di una versione annacquata dello Ius soli che secondo loro è “l’occasione mancata del governo Gentiloni”.

Per carità, ci sono renziani come Ivan Scalfarotto consapevoli che esistono temi un po’ più urgenti per il Paese, ma la tentazione di dedicarsi alle battaglie che irritano gli italiani era troppo forte per resistere.

Scalfarotto a Repubblica lo ammette senza problemi: “Pur sapendo che il problema più immediato è la recessione innescata da questo governo, siamo convinti che in un Paese civile come l’Italia ci sia anche un sentire che parla di valori e che va raccolto”.

Ora la colpa di chi è? Scarica barile? Dai sinistri cosa c’è ancora da aspettarsi?

Fonte: Libero

Foto credit: repubblica