Siamo alle solite. Lo spot dello Ius soli è servito e va in onda da Fazio. Ecco chi invita per demolire Salvini.

E’ l’argomento del giorno. Si torna a parlare di Ius soli. E la sinistra che in questi argomenti si sente come a casa, manda avanti Fabio Fazio.

Lo spot dello Ius soli è servito e va in onda su Rai Uno. Fabio Fazio con Luciana Littizzetto “A che tempo che fa” hanno ospitato Ramy Shehata e Adam El Hamami, i due piccoli eroi del bus incendiato a San Donato Milanese.

I due ragazzini sono stati accompagnati da due dei carabinieri protagonisti del salvataggio. Entrambi i ragazzi hanno confermato il sogno di diventare da grandi dei carabinieri.

Fazio chiede a Ramy: “Tu vuoi fare il carabiniere? direi che la stoffa ce l’hai” e il bimb risponde di sì. Poi la stessa domanda è stata rivolta ad Adam: “Anche tu vuoi fare da grande il carabiniere?”.

Alla risposta affermativa il conduttore ha scherzato: “Ma prima mi hai detto che eri indeciso tra carabiniere e calciatore”.

Pronta la risposta di Adam: “Vorrei fare il carabiniere perché il calciatore non è un lavoro”. I militari hanno infine regalato il cappello ai ragazzi: “Se lo sono assolutamente meritato”.

Ed ecco arrivale la stoccatina del conduttore diretta a Matteo Salvini: “Speriamo che presto questi ragazzi possano avere la cittadinanza italiana”.

Ma la ciliegina sulla torta arriva quando Fazio riceve in studio il direttore di Repubblica Carlo Verdelli. E la discussione sullo ius soli continua.

“La cittadinanza non è un premio, è un diritto. Il ministro degli Interni ha risposto male a un ragazzo che chiedeva la cittadinanza anche per i suoi familiari e per i suoi compagni

Fonte: Il giornale

Foto credit: quotidianodiragusa