I dettagli shock su quella Ong. “Finanzia la Mare Jonio che se ne fo**e della legge” e tutti quei soldi.

Dettagli shock: la barca “Mare Jonio” che se ne fotte della legge, delle autorità, si fa guidare da simpatici pregiudicati come Luca Casarini! E non solo.

“Banca etica” ha già concesso un prestito di 465mila euro, soldi presi da 41mila correntisti che di Casarini e dell’ immigrazione illegale magari non sapevano nulla.

La nave Mare Jonio ha «salvato» 49 migranti è un’ invenzione finanziaria di Banca Etica, un istituto di credito popolare in forma di cooperativa che agisce «nel rispetto delle finalità di cooperazione e solidarietà» (lo si legge nel loro sito) e dove per esempio ogni conto corrente, contrattualmente, sostiene in quota anche la ong Medici senza Frontiere.

In pratica, questa banca ha anticipato circa 460mila euro alla Mediterranea Saving Humans, altra ong nata appena nel giugno scorso e che ha operato a partire dal 3 ottobre. La stessa banca ha poi organizzato un crowdfunding che in pratica sarebbe una colletta, ma che oggi usa definirsi «processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni».

Nel sito della banca si legge che «il fido è anche garantito da garanzie personali prestate da alcuni parlamentari», e il testo d’ invito recitava: «Regala miglia di navigazione a Mediterranea… entro 24 ore riceverai per email il bellissimo calendario delle maree Quella di Mediterranea è un’ azione di disobbedienza morale ma di obbedienza civile».

Ma la cosa buffa sta in questo. La banca rende pubblici i finanziamenti erogati, ma i dettagli, i soci li apprendono a cose fatte. Come per esempio di avere Luca Casarini, come avere Casarini come testimonial.

Sul sito di Banca Etica si apprende che «la nave ha l’ obiettivo di svolgere attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione che quotidianamente vede donne, uomini e bambini rischiare la propria vita, attraversando il Mediterraneo centrale, nell’ assenza di soccorsi generata dalle recenti politiche italiane ed europee».

Ma viene da chiedersi: il monitoraggio comprende la forzatura di blocchi navali e la violazione delle leggi?

In tutto questo scenario, etica ovunque. Qualcuno la vede?

Fonte: Libero

Foto credit: newsmondo