Ma che schifo è? Dietro la “Mare Jonio” c’è un’operazione politica. La Lega svela tutto.

Tutto troppo strano. Un’operazione messa in piedi l’estate scorsa per scontrarsi con il governo gialloverde.

Mare Jonio in mare per salvare vittime? Per prendere migranti clandestini dalla Libia e portarli in Italia? E’ tutto organizzato solo per scredita<re il lavoro di Matteo Salvini.

Leggiamo Il Giornale:

Una tesi prefigurata anche da alcuni report inviati all’intelligence e condivisa dai Cinque Stelle che però si sono mossi per evitare che si replicasse la vicenda della nave della Guardia Costiera bloccata per giorni di fronte al porto etneo, con 177 immigrati a bordo.

Dietro questo agguato politico, oltre a Casarini e a Beppe Caccia, c’è il progetto “Mediterranea Saving Humans”.

Una organizzazione non governativa finanziata da Banca Etica che nasconde al proprio interno i soliti ultrà dell’accoglienza che in questi mesi infiammano le piazze facendo la guerra a Matteo Salvini.

A capitanare tutto c’è Cesarini, definito il ribelle del G8. E’ stato capace di radunare tutti i centri sociali e i volponi dell’accoglienza clandestina per creare caos al Senato proprio in questi giorni in cui si discuterà il caso Diciotti.

Cosa credono di cambiare? Lo scopriremo nelle prossime ore. Intanto i migranti restano a “largo” delle coste italiane.

Fonte. ilgiornale

Foto: voxnews