Italiani. Prima la rapinano e poi tutti contro di lei. E pensare che quei migranti erano irregolari.

Italiani aggrediti e rapinati a Catania da una coppia di balordi nordafricani. Avevano addirittura rubato gli indumenti. Una storia incredibile.

La ragazza, visibilmente scossa e col volto tumefatto, ha chiesto aiuto al personale Atm in piazza della Repubblica. Lei e l’amico erano stati appena attaccati e rapinati da due magrebini.

I malviventi avevano sottratto loro degli indumenti, dopo di che, per assicurarsi che le vittime non prendessero contatto con le forze dell’ordine, avevano usato violenza sulla donna. Questa, colpita con un pugno in pieno volto, era stata addirittura minacciata di morte da uno dei due stranieri nel caso in cui avesse tentato di chiedere aiuto.

Sul posto si è in breve presentata una pattuglia della polizia di Stato, che si è occupata di raccogliere le testimonianze delle due vittime, ancora visibilmente sotto choc per l’accaduto. Grazie alla accurata descrizione dei due magrebini da loro fornita, gli uomini in divisa sono riusciti ad individuare i responsabili in via Monsignor Ventimiglia.

Sprovvisti di documenti, i nordafricani sono stati fatti salire sulla volante e quindi condotti presso gli uffici della questura di Catania per le consuete operazioni di identificazione. Si tratta del 24enne Hasan Hazarim e del 28enne Jawad Hadire, entrambi senza fissa dimora, clandestini e con una lunga lista di precedenti alle spalle.

Per giunta uno dei due era stato fermato appena una settimana prima con l’accusa di lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.

Volti noti agli agenti, ma nonostante questo erano liberi di continuare a delinquere per le vie di Catania.

Finalmente dopo l’ennesima, i nordafricani sono finiti dietro le sbarre della Casa circondariale Piazza Lanza, dove si trovano tuttora in attesa dell’udienza di convalida.

Era ora!

Fonte: Il Giornale

Foto credit: secoloditalia