Giochi in Italia nel 2026. Ultima parola spetta a Mattarella.

Il Capo dello Stato ha già deciso e nulla lo farà cambiare idea. I Cinque Stelle non approvano.

Non importa quello che dicono i grillini, Sergio Mattarella ha già dato la sua parola, che manterrà.

Si tratta dei giochi che si terranno in Italia nell’anno 2026.

Leggiamo i dettagli su Il Giornale:

Roma Sull’autonomia regionale no, dice Sergio Mattarella, non posso proprio dire niente. «Sono problemi di cui si stanno occupando governo e Parlamento», spiega, e quindi non è il caso che il Quirinale prenda posizione.

Sui Giochi invece, sì che può intervenire e infatti, appena lo sollecitano, non si fa pregare. «Ma, presidente Zaia, posso esprimermi sulle Olimpiadi, che considero un’occasione di grande importanza, non soltanto per le Regioni e le città protagoniste, bensì per l’intera Italia.

Le assicuro tutto il sostegno e l’appoggio possibile». Dunque il Colle si è schierato: l’operazione cinque cerchi s’ha da fare, il Paese non può farsi sfuggire questa «opportunità» di crescita e investimenti, M5s e quelli che remano contro si diano una regolata.

Ed a Vajont che Mattarella prende la palla in balzo per tirare fuori il discorso Olimpiadi. Senza confrontarsi con il resto del governo. Sull’autonomia non si discute, ma i Giochi sono cosa dello Stato.

Fonte: ilgiornale

Foto: ansa