Ma di queste coop per Migranti c’è da fidarsi? Ecco cosa hanno scoperto!

Siamo ormai abituati alle zozzerie delle Coop.
Anche se i buonisti continuano a difenderli.

Ma addirittura notizie del genere fanno cascare le braccia.
Ecco cosa combinava sta COOP.

Sul Populista leggiamo che:

Firenze, la coop pro immigrati frodava lo Stato. In due ai domiciliari
Dovevano fornire mediazione linguistica, lavanderia, pocket money, tessere telefoniche, assistenza sanitaria. E invece…

Carabinieri e guardia di Finanza hanno dato esecuzione giovedì mattina a un’ordinanza del gip di Firenze per applicare misure cautelari a 4 indagati di un’inchiesta per ‘frode nelle pubbliche forniture’ relativa a centri di accoglienza per migranti nel Fiorentino. Il prefetto Laura Lega si è congratulata per “l’importante operazione dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza”.

Due indagati vanno agli arresti domiciliari, altri due sono stati interdetti da ruoli societari nelle strutture di accoglienza. Le misure sono del gip Antonella Zatini e le ha chieste il sostituto procuratore Leopoldo De Gregorio. L’indagine riguarda aggiudicatari diretti o indiretti, attraverso cooperative del terzo settore, di bandi indetti dalla prefettura di Firenze per gestire servizi di accoglienza a migranti.

I bandi prevedevano logistica e fornitura di servizi tipo mediazione linguistica, lavanderia, pocket money, tessere telefoniche, assistenza sanitaria. Ma sarebbero state riscontrate varie irregolarità.

Insomma addirittura adesso frodano lo stato.
Sarà vero?
Da non credere!

Voi cosa ne pensate?
Diteci la vostra!

Foto Credits: Qui