Cosa succede ai due alleati? “Luigi non fare il bambino” e ancora: “Matteo frena..”

Aria di crisi al governo. Se dovesse succedere quello che si pensa, Mattarella propone le votazioni.

Il problema è la Tav. Buffagni interviene e attacca Salvini. Questa volta però a difenderlo non c’è un Di Maio, ma qualcosa va storto.

Leggiamo Il Giornale:

Scambio di battute al vetriolo tra i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Che i due fossero agli antipodi su tutto e che non si sopportassero era abbastanza evidente essendo l’incarnazione di opposti stereotipi: Nord contro Sud; felpa contro giacca e cravatta; ringhio contro sorriso.

Però questa strana coppia per governare deve restare insieme e fino ad ora a denti stretti e mordendosi la lingua era riuscita ad andare avanti pur tra contrasti evidenti nei quali sembrava uscire con le ossa rotte più spesso Di Maio.

Contrasti comunque sempre superati anche grazie alla mediazione del premier «sensale» Giuseppe Conte. La mossa di Conte che si è decisamente schierato a favore del No Tav ha fatto saltare il banco e da 24 ore i due vicepremier hanno perso i freni inibitori e se le danno di santa ragione.

L’Irrespnsabile Salvini, così come afferma Di Maio, dovrebbe andarci piano e riflettere su quello che comporta la Tav. Il suo dissenso fa saltare i nervi al leghista che nel giro di due minuti lo replica pesantemente.

Riusciranno a tenere in piedi il governo?

Fonte: ilgiornale

Foto: indro