“Leghisti del c***, vi sparo a vista” la bomba della piddina scatena Salvini. Polemica in corso.

E’ ancora scontro tra Pd e Lega.

Nello specifico, questa volta, l’attacco ai militanti del Carroccio parte dall’ex assessore della giunta Pd di Montebelluna, che ha usato il suo profilo Facebook personale per le minacce:

“Bene leghisti del c***o mo’ rischiate pure che vi sparo a vista. Ve la siete cercata”.

Nel centrosinistra del Veneto la Favero è una personalità nota, pertanto le sue dichiarazioni non sono passate inosservate.

Ma Salvini, attivo com’è sui social, non poteva che replicare aspramente: “Roba da matti. Eh già, i ‘democratici”’stanno a sinistra e ‘Salvini semina odio’. Amici, stanno impazzendo, vuol dire che siamo sulla strada giusta”.

Ma il ministro degli Interni non è stato l’unico a reagire.

Silvia Rizzotto, capogruppo della lista di Zaia, non ha usato giri di parole: “Un post squallido e miserabile. Aspetto che venga rimosso immediatamente e che le autorità competenti indaghino a fondo. Non ci sono parole, se non la vergogna per questo post. Nessuno, men che meno una persona che ha già calcato le sedi istituzionali, dovrebbe mai permettersi di minacciare con certi termini gli avversari politici. Mi auguro che gli organi competenti approfondiscano da subito la vicenda. Non si può concorrere alla carica di primo cittadino e poi minacciare di morte chi non la pensa come te”.

La piddina è stata costretta a rimuovere il post, ma la sua sterzata non è molto convinta:

“Domani mi raccomando non accettate caramelle dagli sconosciuti. Sparategli, è legittima difesa”.

E sul post tanto discusso ha detto: “Si tratta evidentemente di una battuta goliardica, credo anche di averne scritte di più forti. Ho scritto sulla mia bacheca personale, non ho più alcun incarico politico e quindi parlo e mi esprimo a nome mio, il gruppo consigliare non c’entra un bel nulla. Mi stupisce e non poco questo scandalizzarsi per una battuta ironica seppur forte… Dopodiché che i leghisti non godano delle mie simpatie è notorio”.

Querele e denunce sono state solo annunciate per il momento. Attendiamo ulteriori risvolti.

Fonte: IlGiornale

Foto credit: Blitz quotidiano