M5S vs Lega. La legittima difesa oggi al voto. Ma i due vicepremier si fanno la guerra.

Salvini vede realizzata la Legittima Difesa. Di Maio però non canta vittoria sulla cosa.

Il vicepremier grillino non ha in mente un Paese con la legittima difesa e questo non è un segreto per Salvini.

Leggiamo Il Giornale:

Tira una brutta aria. La fronda grillina è in fibrillazione e il capo politico getta sassi contro la riforma proprio nel giorno in cui dovrebbe arrivare il via libera definitivo della Camera alla legge.

Sembra quasi che il pentastellato stia provando a svincolarsi da quella che definisce “una legge della Lega”. Non grillina. “Come quando si è votata quella contro la corruzione voluta dal M5S – spiega Di Maio – non è che ci fosse tutto questo entusiasmo nella Lega.

Allo stesso modo, quando si vota sulla legittima difesa, che è una legge che sta nel contratto e che per questo porteremo avanti perché noi siamo leali, non è che ci sia tutto questo entusiasmo nel M5S“.

L’ultima parola spetta quest’oggi alla Camera. Forse, qualcuno pensa, il contrasto di Di Maio, al suo alleato leghista, è solo per zittire quella parte del movimento cinquenne stelle che da giorni sta facendo guerra per il malcontento di alcuni aspetti del governo.

Intanto, il Ministro dell’Interno non si scoraggia e afferma convinto che entro oggi la camera la scierà il via libera alla Legittima Difesa.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilsole24ore