Migranti aggrediscono donne europee, ma questa volta le Donne non restano a guardare

Quando è troppo è troppo.
Questo deve aver pensato questo gruppo di ragazze tedesche.

Gli stupri commessi da migranti sono sempre di più.
E questo gruppo di ragazze tedesche si è stufato. Ecco come hanno pensato di denunciare la cosa.

Un fermo immagine del video su Youtube

Su il Populista leggiamo che:

Alcune ragazze tedesche si ribellano al politicamente corretto e alzano la voce contro gli stupri degli immigrati. In un video pubblicato sul canale Youtube e realizzato dal network Generazione identitaria, le donne menzionano “Mia, Maria ed Ebba”, i nomi di alcune delle vittime delle violenze sessuali avvenute a Kandel, Malmo e Rotterdam, commesse da stranieri o presunti profughi.

L’hashtag #120db che accompagna l’iniziativa si riferisce a “120 decibel”, ovvero la frequenza del rumore emesso dalle nuove mutande anti-stupro create in Germania lo scorso anno, dopo le violenze sessuali di massa compiute da extracomunitari nel Capodanno di Colonia.

Il video è una risposta alla campagna hollywoodiana del #metoo, che ha preso piede dalle accuse al produttore Weinstein senza citare in alcun modo il fenomeno degli stupri commessi da immigrati in Europa. In Italia le statistiche ufficiali dicono che quasi il 40% delle violenze sessuali sono commesse da stranieri, i quali rappresentano però poco più dell’8% della popolazione residente.

Chissà come prenderanno questa iniziativa le donne nostrane, della sinistra più radical chic.
Si schiereranno anche loro, o come spesso accade, resteranno in silenzio?

Fonte e Foto Credit: Il Populista