L’Ue minaccia l’Italia sulla Tav: “o chiarisce la sua posizione, oppure rischi che …” l’out-out da paura!

Arriva un’altra minaccia per l’Italia direttamente dall’Europa. “Più passa il tempo, più è alto il rischio” che l’Unione europea decida di tagliare i finanziamenti per la Tav.

E più precisamente Enrico Brivio: “Ci aspettiamo che l’Italia rispetti l’accordo di finanziamento o che comunichi e chiarisca la sua posizione sul modo in cui intende rispettarlo.

“Ritardi nel progetto e nella sua attuazione possono portare a una riduzione del finanziamento in linea con il principio ‘use it or lose it’ (usalo o perdilo). Ci sono 813,8 milioni che sono stati approvati per la prima fase dei lavori. E questa somma è condizionata ai progressi realizzati sui siti di costruzione”.

Secondo la Commissione, la Tav sa già subendo “crescenti ritardi” per la decisione del governo italiano di sospendere alcuni appalti importanti. “La situazione è monitorata da vicino dalla Commissione europea”, ha ricordato il portavoce.

“A seconda dell’evoluzione nei prossimi giorni e settimane, potrebbe essere necessario prevedere cambiamenti all’accordo di finanziamento per modificare la portata dell’azione e il livello del contributo finanziario.

Visto che il calendario non è già rispettato, più passa il tempo più alto è il rischio che alcuni fondi siano riallocati in futuro”.

Italia sotto controllo diretto e sotto osservazione, come sempre. Che cosa si deciderà di fare? Quale è la vostra opinione a riguardo?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: eunews