Blitz pro-migranti del centro sociale: “ministro disumano”. Ma Salvini li metto ko: “poverini, domani …”.

L’ennesima contestazione a favore dei migranti e contro Matteo Salvini. Anche oggi un gruppo di militanti del centro sociale Lume, circa 40 ragazzi, ha occupato la sede del ministero dei Trasporti in via Morandi 1, in centro a Milano.

L’azione, durata in tutto una ventina di minuti, sarebbe un’anticipazione di ciò che è in programma per doman, ovvero la “manifestazione contro il decreto Salvini e i CPR prevista domani”.

I contestatori hanno preso possesso degli uffici al primo piano che affacciano sull’ingresso del palazzo, proprio sopra la scritta del Ministero, hanno acceso fumogeni rossi e srotolato uno striscione con la scritta ‘Patto di governo = razzismo di Stato’.

“Questo per ricordare le gravissime responsabilità del ministro Toninelli e del Movimento 5 Stelle nella politica disumana di blocco dei porti, Movimento 5 Stelle che in questo anno di governo è diventato sempre più stampella delle politiche razziste e autoritarie di Salvini con la Lega passata dal 17 per cento delle politiche del 4 marzo all’attuale 30 per cento”.

Non è la prima volta che gli uffici di via Morandi vengono presi di mira dai centri sociali: all’inizio di gennaio era stato Il Cantiere a occupare in segno di solidarietà con i 49 migranti che da settimane aspettavano di poter sbarcare a bordo delle due navi Sea Eye e Sea Watch.

A stretto giro è arrivata la replica del Ministro degli Interni, Matteo Salvini che dal suo profilo social ha detto:

“Poverini… E domani manifestano contro quel “razzista e autoritario” di Salvini… Secondo voi quelli dei centri sociali cos’hanno nella testa?”

Ne vedremo delle belle.

Fonte: milano.repubblica

Foto credit: repubblica