Si parla di Integrazione ma questi immigrati minacciano gli Italiani: “Allah ci guiderà nella vendetta…”

“Gli italiani sono razzisti, la polizia ci controlla e non ci difende.
Allah ci guiderà nella vendetta!”

Parole dure di questi immigrati ospitati a Torino, dove da qualche tempo è scoppiato un vero e proprio caos.
Lo scenario è l’ex villaggio olimpico di Torino, dove vanno di scena tafferugli tra immigrati e residenti.

Su LiberoQuotidiano.it leggiamo che:

A scatenare la rabbia dei quasi 1.500 migranti, di cui molti clandestini, sono state tre bombe-carta lanciate contro le palazzine del Moi in cui abitano.

“Ci insultavano: venite giù scimmie, venite giù bastardi – accusano gli immigrati, secondo quanto riferisce La Stampa. E poi ci sono stati gli scoppi e noi abbiamo pensato che stavamo per morire tra le fiamme e le bombe. Ma qualcuno è sceso lo stesso. E quelli hanno continuato ad insultarci”.

“Siamo nulla per questa città – spiega un ragazzo del Camerun -. Siamo nel mirino di gente che non capisce che anche noi siamo ragazzi e vorremmo una vita decente”.

La situazione potrebbe degenerare ancora di più.
“Voi italiani adesso dite ai vostri figli che non siamo cani. Teneteli tranquilli, perché la nostra pazienza prima o poi finirà. E allora anche noi andremo a prendere latte di benzina da lanciare contro le vetrine”, è la minaccia di un giovane africano.

Parole che sembrano venire fuori dalla legge del taglione: “Un morto nostro, un morto degli altri”.

Foto Credits: Qui