Salvini chiama il vincitore di Sanremo: cosa gli dice distrugge la sinistra. Bomba clamorosa.

Le polemiche sul vincitore di Sanremo hanno caratterizzato la fine del Festival, al punto da coinvolgere esponenti politici di rilievo, come il ministro degli Interni.

Le accuse alla giuria d’onore da parte di molti telespettatori sono state davvero pesanti, poichè la classifica finale non coincideva con la percentuale di voto del pubblico che ha partecipato da casa.

Tuttavia, il leader del Carroccio ha stupito tutti chiamando Mahmood, come ha confermato lui stesso in un’intervista a La Stampa:

“È un ragazzo di vent’anni, comincia adesso, mi sono informato sul suo percorso artistico e gli ho voluto dire direttamente che si deve godere la vittoria e che sono felice per lui”.

E sul suo “Mah” twittato dopo la proclamazione del vincitore, ha ribadito che non ce l’ha mai avuta con lui, bensì con un festival deciso da un “salotto radical chic”.

Salvini ha tenuto a spiegare alcuni punti, dopo il tentativo dei buonisti di metterlo contro il vincitore di Sanremo: “È un ragazzo italiano che suo malgrado è stato eletto a simbolo dell’integrazione ma lui non si deve integrare, è nato a Milano. Lo hanno messo al centro di una storia che non gli appartiene”.

E così si è scagliato contro i giurati: “Una giuria senza senso, mancava solo mio cugino e sarebbe stata completa. Come se mi chiamassero ad attribuire il Leone d’Oro. Sanremo deciso da un salotto radical chic”.

Che qualcuno abbia scelto Mahmood per fare un dispetto a Salvini è un dubbio che resta, ma per il momento il cantante deve solo godersi la sua vittoria.

Cosa ne pensi?

Fonte: IlGiornale

Foto credit: ILGiornale