Mattarella furioso per lo scontro con la Francia: così chiama Conte inferocito e chiede questo.

Una “grave, inutile e dannosa crisi diplomatica“.

Il retroscena dal Quirinale di Repubblica ha fatto trapelare l’immagine di un Sergio Mattarella preoccupato ed arrabbiato con il governo per lo scontro con la Francia.

La Francia è “un Paese amico, che tale deve restare”, è la posizione del presidente, secondo cui tocca a Giuseppe Conte “limitare le uscite scomposte del suo governo”.

Il primo sfogo del premier a Repubblica è stato: “Cercherò di incontrare Salvini e Di Maio per provare a mettere ordine in vista della campagna per le Europee. Ma la verità è che non riesco ad arginarli”.

C’è da dire, però, che il vicepremier pentastellato non ha ritrattato sulla sua intenzione di incontrare i gilet gialli, mentre Salvini ha scritto direttamente al ministro degli Interni francese Castaner.

Le richieste del leader del Carroccio sono state precise: restituirci i 15 terroristi italiani che si trovano in Francia e incontrare lui in prima persona dopo il rifiuto di Macron.

Repubblica spiega ancora che sarà Conte che nelle prossime ore a dover “tentare un approccio con Macron con una telefonata del disgelo, questo almeno è il consiglio della diplomazia italiana”.

E’ certo che Salvini non ostacolerà Conte, come si può evincere dalla sua moderazione degli ultimi tempi.

Attenderemo ulteriori risvolti.

Fonte: Libero

Foto credit: Libero