Salvini a muso duro: “mi difenderò da solo”. E tira dritto: qui non sbarca nessuno e la sfida esilarante.

Matteo Salvini è al centro della polemica. Ma in mezzo a questo marasma, il ministro non si tira indietro.

Anzi, Salvini afferma che si recherà personalmente davanti la Giunta delle elezioni e delle immunità per esporre la sua “difesa” di fronte alla richiesta di processo per la vicenda della nave Diciotti.

Nessuna memoria, ha detto: “In giunta ci vado io. Fino a ieri l’Europa se ne fregava, guarda caso nelle scorse ore la Commissione europea ha cominciato a muoversi, la Germania ha offerto disponibilità: vuole dire che la nostra linea paga”.

Il ministro poi ha ribadito: “I 47 sbarcheranno quando l’Europa si ricorderà di esistere e farà la sua parte. Oggi abbiamo risvegliato il buon cuore della Germania.

Il Senato e gli italiani devono decidere se sto facendo qualcosa che è nell’interesse del popolo italiano o no.

Ci sono segnalazioni precise che sui barconi si infiltrano spacciatori, delinquenti, terroristi. In Tunisia ci sono almeno 3mila combattenti islamici.

Ad ogni barcone che arriva in Italia illegalmente dirò di no. Se per qualche magistrato è sequestro di persona per me è difendere i confini del mio Paese”.

Ben detto!

Fonte: Il Giornale

Foto credit: ilpost