Impavido Di Maio: “Caro Macron ora i migranti te li portiamo in Francia…”

Il vicepremier del Lavoro sfida pubblicamente il premier Macron sui migranti. Avrà afferrato il messaggio?

Luigi Di Maio torna a parlare di migranti e il suo messaggio è diretto a Emmanuel Macron, che ancora fa orecchie da mercanti sulla divisione di chi arriva per mare.

Leggiamo Il Giornale:

“D’ora in poi quelli che vogliono sbarcare glieli portiamo a Marsiglia”. In una intervista ai microfoni di Rtl 102.5, Luigi Di Maio torna a puntare il dito contro la Francia di Emmanuel Macron e annuncia che si muoverà a Bruxelles per chiedere sanzioni contro “quei Paesi che colonizzano l’Africa”.

E, mentre le pressioni del premier Giuseppe Conte hanno aiutato a sbloccare l’intervento libico in aiuto del barcone che ieri era in avaria al largo di Misurata,

il vicepremier grillino invita l’Unione europea a non limitarsi a guardare “gli effetti” dell’immigrazione clandestina, cioè i morti in mare, ma a soffermarsi anche su “quello che la Francia fa in Africa”.

L’ultima tragedia in mare, a cui abbiamo assistito, è ancora una questione aperta di lotta tra un paese europeo e l’altro. Chi fa finta di nulla e si riveste da grande buonista è Emmanuel Macron.

L’Italia che ora ha smesso di fare da zerbino per i confini francesi, passa all’attacco. A pensarci ora non solo Matteo Salvini, ma Di Battista e Di Maio fanno da braccio destro insieme a Toninelli.

E quello che non passa inosservato e viene denunciato sono proprio gli affari monetari della Francia in Africa. La stessa denuncia viene ripresa da Giorgia Meloni a Non è l’ Arena.

Macron fa ancora finta di non sapere nulla?

Fonte: ilgiornale

Foto: blastingnews