Maxi-blitz dei carabinieri. Cosa scoprono in questo capannone. Lavoratori? Sì, ma tutti clandestini.

E’ stata istituita una task force per contrastare il fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nel settore dell’abbigliamento. Il maxi-blitz dei carabinieri ancora una volta ha avuto successo. E cosa hanno scoperto?

Entrati nel capannone dell’azienda tessile di Castiglione, gli agenti si sono trovati di fronte a undici lavoratori, nove dei quali clandestini, sedicenti e privi di regolare contratto.

Il proprietario dell’azienda è un cinese di 54 anni. Per lui è scattato l’arresto per il reato di trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina.

L’operazione è stata condotta a Castiglione e San Martino della Battaglia dai carabinieri della stazione di Castiglione insieme ai colleghi di Castel Goffredo e Piubega, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale Inail e Inps e alla Polizia Locale di Castiglione nell’ambito dei numerosi servizi portati avanti dal gruppo operativo messo in piedi su disposizione della Prefettura di Mantova e il cui coordinamento è affidato al comandante della compagnia maggiore Simone Toni.

I militari durante il controllo nell’azienda tessile di proprietà della persona arrestata, hanno identificato complessivamente 11 lavoratori di cui 9 clandestini e senza regolare contratto. Per gli irregolari sono state avviate le procedure per l’espulsione.

I carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno provveduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale e hanno emesso sanzioni amministrative per un ammontare di 38mila euro, oltre al recupero contributivo in corso di quantificazione.

Lo stabile è stato sottoposto a sequestro preventivo e affidato al proprietario dell’immobile, un 69 enne di Castiglione.

Il prefetto di Mantova, Carolina Bellantoni, ha espresso il suo apprezzamento al comandante provinciale dei carabinieri, Fabio Federici, per la brillante operazione di servizio.

I dati dimostrano che gli obiettivi atti a contrastare il fenomeno della piaga lavorativa clandestina ha raggiunto livelli più che positivi.

Aggiungiamo per questo il nostro grazie a tutte le forze dell’ordine che ogni giorno lavorano per il benessere e la sicurezza degli italiani.

Fonte: gazzettadimantova

Foto credit: gazzettadimantova