Scontro Cacciari-Bongiorno. Lui non trova argomenti per risponde e fa il pazzo. La ministra lo mette ko.

Un vero e proprio scontro quello avvenuto in tv a Otto e mezzo con Lilli Gruber su La7. Volano vere e proprie urla.

E ancora una volta a urlare è lui che non si smentisce mai. Parliamo del filosofo Massimo Cacciari, inviperito per colpa di una semplice domanda del ministro Giulia Bongiorno.

Ma cosa è accaduto a casa della Gruber? Ricapitoliamo tutti i fatti. La leghista aveva appena finito di spiegare i reali effetti del decreto sicurezza sui diritti dei richiedenti asilo.

E con queste dichiarazioni, chiede: “Non vengono meno i diritti alla salute, a portare i figli a scuola… cambia solo l’iscrizione all’anagrafe. Professore quale diritto viene meno con il decreto Salvini?”.

In pochi secondi Cacciari diventa paonazzo e non trovando argomenti per ribattere sul tema in discussione, si lancia in una feroce invettiva sui 49 naufraghi a bordo della nave Sea Watch: “È una vergogna!”, urla il filosofo del Pd, mentre la Bongiorno continua a chiedergli di rispondere.

Ma le urla proseguono e la Gruber è costretta a riportare la calma senza ottenere risposte. Una non risposta perché forse non ne ha?

Voi cosa dite?

Fonte: Libero

Foto credit: lettera43