Retroscena bomba: Mister Inps convoca i suoi in gran segreto. La Lega insorge: “così vuole insabbiare tutto”.

Tito Boeri, si sa, è contro la riforma delle pensioni targata Lega e M5S. Ma quello che emerge da un retroscena de La Verità è ancora più inquietante.

Pare, infatti, che Mister Inps domani dovrebbe tenere una “riunione segreta” alla ragioneria dello Stato per “impallinare” Quota 100.

Secondo quanto scrive Giacomo Amadori, la riunione dovrebbe tenersi intorno alle 17 di lunedì 7 gennaio. Ci dovrebbero essere i dirigenti del settore pensioni e il coordinatore del servizio statistico dell’Inps, Gianfranco Santoro. Non sarebbe invece stata convocata la direttrice generale Gabriella Di Michele, che per altre vie sarebbe comunque venuta a sapere del summit di Boeri.

La partita è importante, visti i trascorsi tra Boeri e Salvini (e l’idea di commissariare l’Ente, poi smentita), e c’è chi al Ministero dell’Economia teme che quando all’Inps arriverà il testo definitivo del decreto su quota 100 l’Ente produca delle relazioni tecniche con stime sui costi – scrive La Verità – “più onerose rispetto a quelle già fatte, ponendo nuovi vincoli al decreto”.

I numeri delle stime dell’Inps finiranno infatti poi alla Ragioneria di Stato che dovrà dare la bollinatura al decreto. Stime eccessive potrebbero azzoppare “quota 100” prima della sua nascita. E Salvini non la prenderebbe certo bene.

Cosa farà il numero uno dell’Ente pensionistico?

I rumors ci sono. Domani sarà svelata la verità. Secondo voi? Agguato sì, agguato no?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: reggiosera