C’è chi lo massacra perché sta con Salvini. Ma il rapper zittisce tutti: “sono un libero pensatore”.

Chissà cosa diranno i tanti rapper e cantanti buonisti che in questi mesi si sono sempre schierati dalla parte opposta alla sua.

Di chi parliamo? Di lui, Anastasio del vincitore di X Factor 2018, quello che La fine del mondo (già disco d’oro) l’ha composta e interpretata.

Tanti dicono: da autore più che da venditore di se stesso, perché quando afferra un microfono per raccontarsi, a vincere è la sua parte da Grinch.

Intanto, è in cima, e gli altri finalisti Bowland in testa, Luna e Naomi lo adorano: «Tutti noi sapevamo, fin dall’inizio, che lui era il migliore. È sempre stato il re del loft», dicono. Ecco, il loft: dal quale Anastasio è uscito dopo due mesi.

Ecco le sue dichiarazioni: «Non ho ancora avuto il coraggio di accendere il cellulare, forse ho dimenticato il pin. Sul palco del Forum di Assago potevo seguire due strade opposte, avere paura o caricarmi: ho scelto la seconda.

È stato pazzesco esibirsi davanti a ottomila persone. Però ora non ditemi se mi sento più cantautore o rapper, per favore. Detesto le etichette».

E a proposito di etichette, il podcast Ingranaggi per primo ha cercato già di appiccicargliene una, notando i suoi like e post su Facebook, a favore di Trump, Salvini e Casa Pound.

Ma il rapper replica ad hoc: «Tutto ciò mi fa sorridere spiega il rapper La storia nasce da un articolo pieno di fuffa. Sono un libero pensatore, e se Salvini dice una cosa giusta la approvo. Guardo a ciò che viene detto, non a chi lo dice.

E poi, davvero, siamo ancora qui a parlare di fascismo e comunismo? Su Trump, bé, vi siete accorti che è il presidente degli Stati Uniti? Nelle ultime elezioni Usa la destra ha avuto un afflato che è mancato agli avversari.

Poi, oggi non si capisce più nulla tra destra e sinistra: temi sociali, lavoro, liberismo, passano da una parte all’altra».

Libero pensiero. Chi sta con Salvini perché non può esprimerlo liberamente?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: novella2000