Merkel salva la sua banca ma con i nostri soldi. La rivelazione shock dell’economista.

Gira nel mondo e tra i palazzi dell’alta finanza internazionale che la Merkel stia progettando qualcosa che protegga dal fallimento la sua banca.

Pare che le politiche pro Ue della Frau vengano adesso adeguatamente ricompensate dalla Comunità Europea evitando il crac della Deutsche Bank grazie al Fondo salva-Stati.

A sospettare è l’economista Vladimiro Giacché: “Curiosa coincidenza con la modifica dell’ESM in senso salvabanche. Vuoi vedere che salviamo le loro banche per la seconda volta?”.

L’ESM, per chi non lo sapesse, è l’acronimo del Meccanismo europeo di stabilità, detto anche Fondo salva-Stati, l’organizzazione internazionale a carattere regionale nata come fondo finanziario europeo per la stabilità finanziaria della zona euro.

Che l’istituto creditizio tedesco sia rischio non è novità. E già circolano i primi sospetti. “La Germania deciderà di immolare la propria banca più grande, in nome delle regole di mercato e di quelle europee? Oppure migliorerà le suddette regole europee per poter procedere al salvataggio della banca?”, scrive Start Magazine.

Poi Start Magazine rincara la dose: “Ma entrambe le banche stanno perdendo valore e dunque forse non è la soluzione migliore, secondo alcuni osservatori. Lo scenario probabile potrebbe essere: fusione, guadagnare un po’ di tempo, la nuova super banca ritorna con in situazione critica, nel frattempo le regole sono state cambiate/riscritte”.

E la banca tedesca intanto potrebbe essere salvata con i nostri soldi. Ci pensate se le cose andassero veramente così?

Fonte: Il Populista

Foto credit: express